L’ansia sociale, conosciuta anche come fobia sociale, è un disturbo caratterizzato da un’intensa paura e disagio nelle situazioni in cui sono presenti altre persone, che siano poche o tante non fa differenza.

Immagina di trovarti in una festa affollata. La musica è alta, le persone chiacchierano e ridono, e tu ti senti completamente a disagio. Battito accellerato, mani sudate e la sensazione che tutti ti stanno guardando e giudicando. Questo è solo un esempio di come l’ansia sociale può trasformare le interazioni quotidiane in un vero e proprio incubo.

Al centro del problema c’è, dunque, un’intensa paura di essere giudicati, criticati o umiliati dagli altri. Questa paura può manifestarsi in varie circostanze della vita quotidiana, vediamone solamente alcune tra le più frequenti:

  • essere al centro dell’attenzione: le persone con ansia sociale temono di essere notate e osservate dagli altri, il che può portarle ad evitare situazioni come parlare in pubblico o partecipare a eventi sociali;
  • commettere errori: ovvero la paura di sbagliare o di dire qualcosa di inappropriato nell’interagire con gli altri;
  • essere rifiutati:quindi si evita di socializzare o di stringere nuove amicizie.

L’ansia sociale non si manifesta solo con la paura e il disagio, ma si possono sperimentare una serie di sintomi fisici, tra cui:

  • Aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna
  • Sudore eccessivo
  • Nausea
  • Vertigini
  • Mancanza di respiro o sensazione di soffocamento
  • Arrossamento del viso
  • Difficoltà a concentrarsi

La paura e il disagio associati, inoltre, possono portare le persone a evitare le situazioni sociali temute. Questo comportamento di evitamento può avere un impatto significativo sulla loro vita, limitando le loro relazioni interpersonali, le loro opportunità di lavoro e la loro qualità della vita in generale. In alcuni casi, l’evitamento può portare all’isolamento sociale, con conseguenze negative sulla salute mentale e fisica (vedi anche questo articolo).

Psicoterapia: la chiave per liberarsi dall’ansia sociale.

 

Gli approcci che utilizzo in studio, ovvero la Terapia Strategica e la Terapia Breve Centrata sulla Soluzione possono rivelarsi molto efficaci nel trattamento dell’ansia sociale ma, soprattutto, molto efficienti.

L’obiettivo principale di questi modelli non è quello di analizzare le cause profonde del disturbo, ma piuttosto di individuare soluzioni concrete e pragmatiche per affrontare le difficoltà quotidiane. Con questa modalità si lavora in collaborazione con la persona per identificare i suoi punti di forza e le sue risorse, aiutandola a sviluppare nuove strategie di coping e a costruire una visione differente del futuro.

Entrambi questi approcci psicoterapeutici offrono una prospettiva diversa e nuova rispetto agli approcci tradizionali, con alcuni vantaggi specifici per il trattamento dell’ansia sociale o di altri problemi:

  • Enfasi sulle soluzioni: si concentrano sulla ricerca di soluzioni concrete e pragmatiche per affrontare l’ansia sociale, piuttosto che soffermarsi sulle cause profonde del disturbo.
  • Orientamento al futuro: pongono l’accento sul futuro e sulle possibilità, aiutando il paziente a sviluppare una visione più positiva di sé e delle sue capacità.
  • Breve durata del trattamento:  sono spesso caratterizzate da un numero minore di sedute.
  • Approccio collaborativo: identificano le soluzioni migliori per le specifiche situazioni.

 

Dott. Pier Paolo D’Alia
Psicologo Psicoterapeuta
Terapie Brevi

 

INFO

Studio

P.zza Comitato Liberazione Nazionale,5 Monterotondo (RM)

Tel

3381375296

Mail

pierpaolodalia@hotmail.com

 

CONTATTAMI