Nel mio lavoro, come ho scritto in altre occasioni (qui o qui), tendo a considerare maggiomente il qui ed ora rispetto al passato, se non per aspetti puramente tecnici o circostanze precise. Tra queste troviamo sicuramente il trauma (o Disturbo Post Traumatico da Stress – DPTS).

Nella complessità della vita, ci sono momenti che possono lasciare un’impronta “indelebile” nella nostra memoria. Tuttavia questa traccia, che definiremo appunto trauma, nella maggior parte dei casi (2/3, Shalev et al., 1996) nonostante risulti appunto “indelebile”, in realtà non causa difficoltà o problemi più di un qualsiasi altro pensiero spiacevole. Altre volte si trasforma in un vero e proprio disturbo, in cui troviamo risposte emotive, sensazioni, ricordi e paure che non fanno tanto riferimento a un ricordo, quanto a qualcosa che sembra essere vissuto nel presente.

I sintomi del trauma

Il trauma può manifestarsi attraverso una varietà di sintomi più o meno persistenti e intensi. Vediamo come riconoscerli.

1) Flashback e ricordi intrusivi: esperienze ricorrenti e indesiderate di ricordi traumatici, flashback o sogni vividi, che possono far rivivere l’evento traumatico come se stesse accadendo nuovamente.

2) Ipervigilanza: ovvero un aumento eccessivo della reattività, come difficoltà a dormire, irritabilità, scatti di rabbia improvvisi e sensazione di pericolo imminente.

3) Evitamento: tutti quegli sforzi per evitare pensieri, situazioni, persone o attività che possano richiamare il ricordo dell’evento traumatico. Questo può portare a una riduzione delle attività e della partecipazione alla vita quotidiana.

4) Alterazioni dell’umore e/o ansia persistente.

Come avevo anticipato nell’introduzione, una caratteristica fondamentale del trauma, è quella di fare in modo che il passato influenzi il presente in modi sottili ma pervasivi. In questo modo anche stimoli esterni apparentemente insignificanti, possono causare ansia e terrore, rendendo difficile distinguere tra il qui e ora e il lontano passato. A questo punto l’evitamento appare una delle “soluzioni” principali e più sicure da adottare.

Le risorse prima del trauma

L’elemento cruciale molto spesso sottovalutato nell’affrontare questo problema, è l’accesso alle risorse individuali. Molte persone, nonostante abbiano sperimentato esperienze traumatiche, non sviluppano un Disturbo Post Traumatico da Stress (DPTS) e questo dipende, in parte, dalla disponibilità di risorse interne ed esterne, ma soprattutto da come poterle utizzare.

Nella prospettiva della Terapia Strategica, così come della Terapia Breve Centrata sulla Soluzione (gli approcci che utilizzo insieme alla TSS) si riconosce che le risorse possono fungere da scudo protettivo, fornendo una base solida per affrontare e superare il trauma. Queste risorse possono assumere forme diverse, dall’appoggio sociale e familiare alla resilienza personale, alle strategie di coping, ovvero come affrontare il problema.

La gestione e l’utilizzo delle risorse rappresentano un aspetto importante nel superamento di queste difficoltà, ma non è l’unico aspetto.

A volte potrebbe essere utile l’elaborazione dell’accaduto, attraverso compiti di scrittura. Non mi dilungo su questo aspetto, piuttosto importante, poichè mi dovrei avventurare in discorsi riguardanti la neurofisiologia, che non riguardano il tema di questo articolo.

Quello che mi aspetto, dalla lettura di oggi, è far comprendere come si possa effettivamente tornare a navigare in acque più serene, attraverso l’utilizzo di interventi pratici e mirati. La stessa elaborazione del trauma di cui ho parlato poco fa, attraverso compiti di scrittura, non riguarda aspetti di tipo interpretativo, quanto piuttosto fattori pratici (neurofisiologici, ricollocamento temporale, abituazione ecc…) che intervengono nel qui ed ora, nell’immediato.

L’intervento sul trauma prevede quindi varie strade percorribili attraverso le Terapie Brevi. Se hai bisogno di ulteriori informazioni o chiarimenti in merito contattami attraverso il form qui sotto.

Dott. Pier Paolo D’Alia
Psicologo Psicoterapeuta
Terapie Brevi

INFO

Studio

P.zza Comitato Liberazione Nazionale,5 Monterotondo (RM)

Tel

3381375296

Mail

pierpaolodalia@hotmail.com

 

CONTATTAMI